Anzino in cammino: itinerari religiosi dedicati a Sant'Antonio

Anzino in cammino: itinerari religiosi dedicati a Sant'Antonio

BANNIO ANZINO

Anzino è conosciuta in Val d'Ossola e nella confinante Val Sesia per essere sede del Santuario di Sant’Antonio di Padova, che ospita il quadro miracoloso. In occasione della festa del 13 giugno centinaia di devoti si raccolgono nel paese per festeggiare il Santo dei miracoli.

“Anzino in Cammino” è un progetto che vuole valorizzare gli antichi percorsi religiosi incastonati nella natura incontaminata della Valle Anzasca. Le montagne e le valli intorno ad Anzino sono infatti percorse da antiche vie di collegamento attraverso cui i pellegrini giungevano – e giungono ancora oggi – al santuario anzinese. Su questi sentieri passavano i traffici delle miniere d’oro della valle; partivano e tornavano i migranti che con il loro sacrificio hanno dato vita e ricchezza al territorio; ancora, persone e animali si sono spostati per raggiungere i pascoli, per coltivare gli aspri terreni, per sfruttare i boschi.

Importante anche la valenza religiosa di questi percorsi: uomini e donne si muovono lungo questi sentieri per raggiungere i luoghi santi delle terre alte, santuari (soprattutto mariani) che costellano i paesi della Valle Anzasca e che in occasione delle principali feste richiamano molti fedeli.

Il progetto “Anzino in cammino” prevede il recupero degli antichi percorsi, attraverso la sistemazione e messa in sicurezza dei sentieri e la posa di una apposita segnaletica.

Di seguito i principali tracciati inclusi nel progetto che raggiungono Anzino dalla Valle Antrona, dalla Valsesia, dalla Val Strona edalla Valle Anzasca stessa:

Sentiero della Colma

Partenza da Viganella, passo della Colma di Castiglione, attraverso Drocala, Olino, Porcareccia, Molini raggiunge Anzino, collegando la Valle Antrona.

Sentiero di Rosenza

Partenza da Campello Monti, attraverso il Capezzone, collega con la Val Strona

Sentiero di Dorchetta

Partenza da Rimella (S. Antonio), passo della Dorchetta, attraverso la Val Baranca collega con la Valsesia (Val Mastallone)

Sentiero di Baranca

Partenza da Fobello (Santa Maria), passo di Baranca, scende per la Val Baranca e raggiunge Anzino, collegando con la Valsesia (Val Mastallone)

Sentiero dell’Egua

Partenza da Carcoforo, attraverso il Col d’Egua, scende passando dal Colle Baranca e collega con la Valsesia (Val Sermenza)

Sentiero du Gil

Partenza da Ceppo Morelli (presso il campo sportivo), percorre il versante sud (a Opaco) della Valle Anzasca ricalcando il Sentiero della Salute "Luigi Corti" fino a raggiungere il Santuario du Gil, poi Bannio, e infine, Anzino

Sentiero di Piedimulera

Partenza da Piedimulera, attraverso la Strà Granda, antica strada della valle, raggiunge Anzino.

In questa sezione